Barcellona si è aggiudicata quest’anno la testa della classifica mondiale delle smart city compilata dalla società di consulenza britannica Juniper Research, scalzando città come New York, Londra, Nizza e Singapore.

Quello che ha permesso alla città catalana di raggiungere questo primato può essere spiegato con una serie di interventi realizzati nel campo delle smart grid e dei sistemi di controllo del traffico e dell’illuminazione pubblica che hanno portato grossi vantaggi in termini di sostenibilità e risparmio.

A questo si aggiungono la razionalizzare nella distribuzione dell’acqua, la programmazione dell’illuminazione negli spazi pubblici, la regolamentazione di riscaldamento e condizionamento di abitazioni e uffici, che ha permesso di abbattere notevolmante le emissioni di C02.