Bioplastics Feedstock Alliance (BFA), questo è il nome che è stato dato alla collaborazione tra otto grandi aziende, che producono beni di largo consumo, ed il WWF, con lo scopo di implementare alternative sostenibili ai prodotti a base di petrolio ed arrivare allo sviluppo responsabile delle bioplastiche.

La Bioplastics Feedstock Alliance si occuperà di guidare la scelta responsabile e la raccolta di materiali agricoli, come ad esempio, canna da zucchero, mais, giunco, utilizzati per costruire le bioplastiche. Parallelamente verranno promosse la ricerca e la collaborazione per lo sviluppo sostenibile di materie che possono essere fatte in bioplastiche.

Tra le aziende coinvolte ci sono anche la Nestlé, Coca Cola, Danone, Ford, Heinz, Nike, Procter&Gamble e Unilever.