Bruxelles premia il progetto Carbomark che vede la Regione Veneto come capofila. Il progetto prevede lo scambio di ”crediti di carbonio” che sono generati da attività di tipo agro-forestale che riducono l’anidride carbonica o evitano le emissioni di gas.

I due principali risultati di Carbomark sono due mercati locali del carbonio, in Veneto e in Friuli Venezia Giulia. Al termine del progetto, si contano 21 aziende private in qualità di acquirenti e 27 proprietari forestali pubblici in qualità di venditori.

Sono stati, inoltre, sottoscritti 3 contratti che prevedono lo stoccaggio di 250 tonnellate di carbonio e impegni alla riduzione di emissioni da parte delle imprese. Queste ultime devono infatti adoperarsi in politiche volte al miglioramento delle proprie performance ambientali.
In questo modo si evita che prevalga esclusivamente l’approccio votato alla compensazione in assoluto delle emissioni.