Viene dall’Australia la casa prefabbricata “carbon-positive”. Si tratta di un’abitazione in grado di produrre più energia di quanta ne utilizzi.

A progettarla è stato lo studio di design ArchiBlox, che ha presentato a Melbourne uno dei quattro prototipi realizzati dai suoi architetti. La casa è grande poco più di 50 metri quadri ed è fornita di una “sunroom” ed un portico di circa 20 metri quadri, dal quale arriva l’illuminazione naturale per gli ambienti.

Gli architetti hanno dotato la casa di un tetto verde, che serve ad isolare termicamente l’abitazione, mentre su parete scorrevole è stato progettato un giardino verticale di piante commestibili. Il prototipo in questione è provvisto, inoltre, di pannelli solari per l’approvvigionamento di energia elettrica e per l’acqua calda.

Stando a quanto dichiarato dai progettisti, la casa prefabbricata “carbon-positive” emette 1.016 tonnellate di CO2 in meno rispetto ad un’abitazione tradizionale, consentendo di risparmiare una quantità di emissioni pari a oltre 6mila alberi piantati o 267 auto tolte dalla strada.