E’ arrivato nel cuore della notte, in Italia, l’annuncio del progetto vincitore del Citizen’s Choice Award nell’ambito del CCLA. Si tratta dell’iniziativa che ha visto protagonista la città di Taipei. Oltre 40mila cittadini nel mondo hanno votato per assegnare il premio della “giuria popolare”.

Taipei ha vinto il Citizen’s Choice Award grazie ad un progetto per la riduzione dell’inquinamento e per la creazione di una città a basse emissioni di carbonio. Un progetto molto ambizioso per una città in cui il 57% dell’inquinamento atmosferico è causato dai motori delle auto. Per questo motivo Taipei ha deciso di puntare su veicoli a basso impatto ambientale, sull’incentivazione dell’uso delle due ruote e sul trasporto pubblico, al fine di migliorare la qualità dell’aria e salvaguardare la salute dei propri cittadini.

Non solo Citizen’s Choice Award durante la premiazione che si è tenuta a New York. Altre 9 città hanno portato a casa il proprio riconoscimento per aver realizzato progetti di eccellenza nella lotta ai cambiamenti climatici: Amsterdam nella categoria Finance & Economic Development, Barcellona per Intelligent City Infrastructure, Buenos Aires con un progetto in Solid Waste Management, Londra in due categorie Carbon Measurement e Planning and Air Quality, Melbourne per Adaptation & Resilience, New York City con un progetto inserito nella categoria Energy Efficient Built Environment, Portland per Sustainable Communities, Seoul in Green Energy, Shenzhen con un’iniziativa inserita nella categoria Urban Transportation.

Niente di fatto per l’Area C di Milano, unica italiana in gara quest’anno.