Sono stati presentati i dati della ventesima edizione di “Comuni Ricicloni”, secondo cui sono 330 i comuni del nostro Paese vicini all’obiettivo rifiuti zero. Si tratta di Comuni che sono riusciti a ridurre del 90% la quantità di rifiuti da smaltire e che hanno raggiunto una produzione media pro-capite di meno di 75 chilogrammi a testa di rifiuto secco indifferenziato in un anno.

Stando al rapporto annuale di Legambiente, questi risultati sono resi possibili grazie ad una serie di iniziative messe in campo dalle amministrazioni: una buona la raccolta “porta a porta”, la modalità di tariffazione del servizio, la responsabilizzazione dei cittadini attraverso campagne di comunicazione e sensibilizzazione, politiche fiscali che applicano il principio del “chi inquina paga” e la riduzione della tassa sui rifiuti in base a una corretta differenziata.

A questo si aggiungono poi l’incentivazione della pratica del compostaggio domestico e le politiche di riduzione della plastica abolendo i monouso.