Eurostat fa una fotografia dei consumi energetici a dell’Europa e rivela che le fonti rinnovabili coprono ormai il 13% della domanda di energia. Questo a fronte di un risultato pari al 7,9% del 2004 e ad un obiettivo complessivo del 20% da raggiungere entro il 2020.

L’Italia è a quota 11,5%, un bel passo in avanti se si pensa che nel 2004 era ferma al 4,9%, anche se servirà molto impegno per raggiungere l’obiettivo fissato per il nostro Paese per il 2020, pari al 17%.

Stando ai dati diffusi da Eurostat, i paesi europei più all’avanguardia per quel che riguarda le fonti rinnovabili sono tutte nel Nord Europa: La Svezia ha raggiunto ormai il 46,8% dei consumi da rinnovabili, la Lettonia il 33,1%, la Finlandia il 31,8% e l’Austria a quota 30,9%.

Rispetto a queste reginette dei consumi energetici, vanno molto male invece Malta ancora allo 0,4%, il Lussemburgo al 2,9% e la Gran Bretagna al 3,8%.