Grazie a Greta, cioè “Green Tags”, progetto che ha come capofila l’università di Bologna, e che conterà su un finanziamento del Ministero dell’università, nasceranno le “Etichette intelligenti”, in grado di individuare con precisione “sub-metrica” la posizione del bene, o della persona, cui sono legate e capaci di raccogliere dall’ambiente l’energia con cui alimentarsi.

Nel progetto per la realizzazione delle “Etichette Intelligenti” sono coinvolti quasi 30 ricercatori italiani. Le etichette saranno realizzate stampando i circuiti elettronici su materiali eco-compatibili riciclabili come carta o polietilene e dovranno essere energeticamente autonome.

L’applicazione delle bio etichette andrà dalla logistica, alla sicurezza, all’energia, ma anche ai consumi e alla salute.