La Commissione europea è a caccia di buone idee per ridurre l’impatto dell’edilizia sull’ambiente e lancia una consultazione online rivolta a cittadini, imprese, ong e autorità.

La consultazione sarà aperta fino al primo ottobre data entro la quale i soggetti coinvolti potranno esprimere il proprio sui principali problemi a livello ambientale per il comparto, sui sistemi di valutazione, sulle possibili strategie utili a stimolare la domanda e sull’impiego più efficiente dei materiali da costruzione.

Al momento, infatti, non esistono parametri e criteri comuni di valutazione nell’UE e questo rende più complicato il lavoro per gli operatori del settore. C’è da dire, inoltre, che attualmente gli edifici europei, nel loro periodo di utilizzo, pesano ancora sul 42% dei consumi di energia finale, sul 35% delle emissioni di gas serra.