La Commissione europea ha pubblicato un documento che prepara il terreno al nuovo accordo internazionale sul clima che dovrà entrare in vigore nel 2020. Fino al prossimo 26 giugno, il testo sarà ora sottoposto a una procedura di consultazione pubblica online.

Il testo getta le basi per individuare la posizione comune che gli Stati Ue dovranno assumere nei futuri negoziati internazionali sul clima, destinati, almeno sulla carta, a concludersi con la firma del nuovo accordo entro la fine del 2015.

Nella bozza di documento, la Commissione europea chiede prima di tutto che i nuovi impegni di riduzione delle emissioni siano alla portata sia dai Paesi sviluppati che di quelli emergenti. Gli obiettivi, giuridicamente vincolanti, dovrebbero essere inoltre più ambiziosi rispetto al Protocollo di Kyoto, in modo da riuscire a contenere l’aumento della temperatura globale entro di 2 gradi centigradi. Queste prime proposte saranno ora sottoposte a consultazione pubblica.