L’Europarlamento dà il via libero definitivo al nuovo piano d’azione dell’Ue fino al 2020, per quel che concerne la normativa ambientale.

Nove le priorità per il 2020 elencate, tra cui la protezione dell’ambiente, il sostegno ad una crescita sostenibile ed efficiente, la tutela contro le minacce ambientali alla salute. Il provvedimento deve passare all’approvazione del Consiglio Ue per poi essere pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell’Unione entro la fine del 2013.

“Gli interventi a livello ambientale comportano costi, così come il non fare nulla, ma sicuramente generano benefici che autorità pubbliche e investitori privati non possono permettersi di ignorare” ha commentato l’eurodeputato francese Gaston Franco, relatore del testo già concordato con Commissione e Consiglio Ue.