Concluso il progetto Med ZeroCO2, che ha coinvolto 13 comunità locali europee tra Italia, Spagna, Portogallo e Grecia e ha avuto come protagonista Legambiente, che insieme ad altri partner europei ha lavorato per diffondere buone pratiche energetiche tra i piccoli comuni.

Ben 380 le tonnellate di anidride carbonica risparmiate complessivamente, attraverso piccoli interventi per l’incremento dell’efficienza energetica e la produzione di energia da fonti rinnovabili. Il progetto Med ZeroCO2 è partito nel 2010 grazie a un cofinanziamento del Fondo Europeo per lo sviluppo regionale e promuove la collaborazione tra enti locali, agenzie per l’energia e investitori privati per realizzare delle linee guide da seguire per il taglio delle emissioni, a costo zero per i comuni.

Ha commentato Fausto Ferruzza di Legambiente: “Mitigare i cambiamenti climatici non è una sfida impossibile e i piccoli comuni del Progetto Med ZeroCO2 ce lo hanno dimostrato, diventando modelli virtuosi nel risparmio energetico, nell’efficienza e nello sviluppo delle fonti rinnovabili”.