Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto che introduce i nuovi incentivi per le fonti rinnovabili termiche e gli interventi di miglioramento dell’efficienza energetica. I sussidi sono a disposizione di privati e pubbliche amministrazioni, ma variano a seconda del richiedente gli interventi per cui è possibile richiederli.

Il Conto energia termico, infatti, stabilisce che i privati possano godere dei sussidi solo per l’installazione di piccoli impianti per la produzione di energia rinnovabile termica, mentre gli enti pubblici hanno diritto agli incentivi anche in caso di interventi per migliorare l’efficienza energetica.

Il Gestore dei servizi energetici (Gse) ha aperto una sezione dedicata sul suo sito web, dove è possibile trovare informazioni dettagliate sugli interventi incentivati, sull’ammontare dei sussidi e sulle modalità per richiederli. Nelle prossime settimane, sullo stesso portale informatico, saranno pubblicate le Regole applicative e la pagina per la presentazione delle domande per il Conto energia termico. In totale, a disposizione dei cittadini ci sono 900 milioni di euro l’anno per i prossimi due anni (700 per i privati e 200 milioni per le pubbliche amministrazioni).