La Provincia di Siena si appresta a diventare la prima area vasta in Europa a emissioni zero di anidride carbonica. Attualmente, il grado di assorbimento dei gas serra prodotti si attesta già al 94%, grazie agli interventi realizzati nel settore dell’efficienza energetica, della riduzione dei combustibili fossili e dello sviluppo delle fonti rinnovabili.

Nella città toscana, in particolare, si è registrato un calo del 31,5% del consumo di benzina, mentre l’uso del gasolio è diminuito di quasi il 17%. Per quanto riguarda invece la produzione energetica, le rinnovabili hanno avuto un vero e proprio boom, con una crescita che ha toccato il 92%.

Decisivo, in questo senso, il contributo della geotermia, da sempre importante nel mix energetico locale, ma anche il fotovoltaico ha fatto registrate un incremento importante negli ultimi anni. In totale, comunica l’amministrazione provinciale, le emissioni di CO2 sono calate di 2.982 tonnellate all’anno. Un processo, quello avviato a Siena, che, oltre agli evidenti benefici ambientali, ha permesso di investire circa 22 milioni di euro nella green economy, anche grazie all’accesso a finanziamenti europei.