Tag

evento_GEP

La città sostenibile: una sfida per i manager del futuro

Si è svolta il 7 aprile scorso a Milano, presso la sede di Siemens  l’evento Global Enerprise Project, il programma didattico promosso da European Round Table of Industrialistse Junior Achievement-Young Enterprise Europe con lo scopo di diffondere una mentalità globale e intraprendente tra i giovani studenti tra i 15 e i 19 anni. Nei primi 3 anni di progetto sono stati coinvolti 15.000 studenti e più di 1.000 volontari d’impresa in tutta Europa.

Il programma in Italia è promosso da Junior Achievement Italia e Kone, Nokia, SAP, Siemens, STMicroelectronics, Telefonica e Vodafone.

 

GEP National Challenge 2014 è stato l’evento finale nazionale del programma Global Enterprise Project.

Durante la giornata 50 studenti divisi in team di 5 persone e supportati da mentor provenienti dalle aziende partner, hanno dovuto ideare e progettare una soluzione di business legata al tema della città sostenibile.

 

A conclusione dei lavori una giuria di esperti, composta da manager di Siemens Italia, Kone, Nokia, Sap e Vodafone, ha selezionato i due migliori team che rappresenteranno l’Italia all’edizione europea della GEP European Challenge 2014 (Madrid 6-8 maggio).

 

Sono due i progetti che si sono classificati a pari merito al primo posto:

  • Smart Traffic, un semaforo intelligente creato per ridurre il traffico e ottimizzare i tempi di percorrenza sulle strade, ridurre l’inquinamento e migliorare la salute e il benessere dei cittadini;
  • Keep your city cleaned, un gioco per sensibilizzare i cittadini a uno stile di vita sostenibile, nel rispetto dell’ambiente e della salute, per favorire la crescita economica delle città.

 

A fine giornata Giuliano Busetto, Industry Sector Lead di Siemens Italia, ha dichiarato “Abbiamo particolarmente apprezzato le idee brillanti presentate, oltre che la profonda sensibilità dimostrata sul tema della città sostenibile”.

incentivi rinnovabili

Rinnovabili, a Caserta incentivi ai privati per 1 milione di euro

Dalla Provincia di Caserta un bando di 1,1 milioni di euro per finanziare interventi di installazione di impianti rinnovabili da parte dei privati. Previsti inoltre fondi per promuovere l’adesione dei Comuni al Patto dei Sindaci.

Il settore Energia dell’ente provinciale sta predisponendo il bando per i finanziamenti destinati alla installazione di pannelli fotovoltaici e ad interventi per l’incremento dell’isolamento termico e dell’efficienza energetica degli edifici privati. I fondi saranno disponibili per tutti i privati residenti nel territorio della provincia che siano proprietari di immobili.

Per quanto riguarda invece l’adesione al Patto dei Sindaci, l’ente ha stanziato circa 120.000 euro di incentivi per sostenere i Comuni nella redazione dei propri Piani di azione per l’energia sostenibile (Paes).

milano

Milano Smart City, nuovi finanziamenti per le piccole aziende

Grazie a un’intesa tra il Comune di Milano e la Camera di Commercio, sono stati stanziati circa 9 milioni di euro per la promozione di imprese e progetti innovativi per Milano Smart City. Il finanziamento, in particolare, servirà a sostenere la nascita di nuove imprese e l’occupazione in settori innovativi.

Diversi gli ambiti di intervento: “Supporto a nuove imprese e professionisti che cercano spazi di lavoro” (grazie ai contributi per attività di coworking); “Supporto alle start up micro imprese innovative”; “Sviluppo delle MPMI attraverso il design”; “Interventi a sostegno dell’economia digitale”; “Accesso al credito per le PMI”; “Contributi alle imprese a sostegno dell’occupazione”, che permetteranno di assumere nuovo personale o di stabilizzare contratti di lavoro a tempo determinato.

Evidente la soddisfazione dell’assessore alle Politiche del Lavoro, Sviluppo economico, Università e Ricerca della Città di Milano, Cristina Tajani: “Grazie alla sottoscrizione di questo protocollo – ha dichiarato – intendiamo sostenere la nascita di nuove imprese e quelle esistenti in un momento di grave crisi”.

mercato smart city

Boom delle Smart city in Italia

Secondo una ricerca del Politecnico di Milano, il mercato nazionale delle Smart city vale circa 800 milioni di euro. Dall’illuminazione pubblica alla gestione dei rifiuti, dal traffico veicolare alle aree verdi, negli ultimi anni si sono infatti moltiplicate le applicazioni mobili “intelligenti”.

Rispetto al 2011, in particolare, il numero di oggetti connessi via mobile sono aumentati di circa il 25%. Cresce soprattutto l’utilizzo di applicazioni nell’ambito “smart car”, come le tecnologie che permettono di inviare sui dispositivi portatili informazioni sul traffico in tempo reale.

Ottime le prospettive per le amministrazioni locali, che possono ridurre la spesa pubblica investendo sul tema Smart city. Grazie all’interconnessione tra il sistema di gestione dell’illuminazione e quello che regola lo smaltimento rifiuti, ad esempio, una città di circa 70.000 abitanti può ottenere un risparmio del 70% sui costi operativi per i due servizi.

bolzano emissioni

Progetto Sinfonia: Bolzano taglia i consumi del 40%

Si chiama Progetto Sinfonia e consentirà a diverse città europee, inclusa Bolzano, di diventare delle vere e proprie smart city. L’iniziativa, finanziata con fondi europei, punta ad aumentare l’efficienza energetica di alcuni quartieri della città altoatesina, attraverso la ristrutturazione di circa 36.500 mq di alloggi pubblici.

L’obiettivo è di tagliare, entro i prossimi cinque anni, il consumo complessivo di energia del 40%, trasformando Bolzano in un modello su scala europea. Sinfonia, inoltre, prevede di aumentare ddi 20 punti percentuali l’uso di energia proveniente da fonti rinnovabili.

In programma, infine, il miglioramento della rete cittadina di teleriscaldamento e del sistema di distribuzione dell’energia in otto isolati della zona sud-ovest di Bolzano. L’iniziativa coinvolge anche la città austriaca di Innsbruck.

piemonte

Piemonte, Rapporto green economy 2013: bene rinnovabili ed efficienza

L’Ires, Istituto di ricerche economico-sociali della Regione Piemonte, ha presentato il rapporto 2013 “La Green Economy in Piemonte” redatto con dati riferiti al 2011.

Insieme alla Lombardia, il Piemonte è la regione che ha sfruttato maggiormente le detrazioni fiscali del 55% per l’efficienza energetica: un risultato che ha spinto la Regione a migliorare del 10% l’obiettivo di risparmio energetico fissato dal Governo nazionale per il 2020 (15% di consumi in meno).

Bene anche il settore della ricerca nel campo delle innovazioni “Smart”, nel quale il Piemonte è stata la prima regione italiana nel 2011, investendo l’1,42% del proprio PIL contro una media nazionale dello 0,65%.

Per quanto riguarda le emissioni di anidride carbonica nel settore dei trasporti, il dato piemontese ricalca in sostanza quello nazionale, mentre la regione risulta leggermente indietro, rispetto alla media italiana, in tema di occupazione verde: nel periodo 2008-2011, infatti, i green job hanno fatto registrare in Piemonte un incremento complessivo di 4 punti percentuali, mentre su scala nazionale l’occupazione “verde” è cresciuta del 23% solo nel 2011.

bando efficienza

Efficienza energetica, finanziamenti in Emilia, Veneto e Umbria

Al via in Emilia Romagna, Umbria e Veneto un Fondo Energia destinato alle Piccole e medie imprese che vogliano investire nel settore dell’efficienza energetica e, più in generale, nella green economy.

Ecco, più nel dettaglio, i finanziamenti disponibili: 24 milioni di euro in Emilia Romagna per finanziare la green economy; 3,5 milioni di euro in Umbria per sostenere le imprese che fanno sviluppo e innovazione nel campo delle rinnovabili; 23,8 milioni di euro in Veneto per le energie rinnovabili e l’efficienza energetica.

Il termine ultimo per la presentazione delle domande varia a seconda della Regione: il 29 aprile in Emilia Romagna, il 31 dicembre in Umbria e il 30 giugno in Veneto. Altre informazioni sul sito www.fondoenergia.eu.

illuminazione teramo

Teramo, in arrivo 60.000 lampioni smart

La Provincia di Teramo ha avviato, nell’ambito del programma europeo “Intelligent Energy – Europe”, un progetto di restyling dell’illuminazione pubblica in 34 comuni del territorio. Nelle città interessate dall’iniziativa saranno installate lampade super efficienti a Led e dispositivi smart per la regolazione a distanza del flusso luminoso.

Più nel dettaglio, le vecchie lampade saranno rimpiazzate da sistemi a basso consumo, basati soprattutto sulla tecnologia Led, in grado di essere regolati a distanza. Il progetto, inoltre, prevede una riduzione del numero di ore di accensione dei lampioni. Per alimentare gli impianti di illuminazione, infine, sarà utilizzata energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili.

La Provincia spiega che l’intera operazione sarà a costo zero per gli enti locali coinvolti: i costi degli interventi saranno infatti sostenuti da una serie di ESCO (Energy Service Company), società di servizi energetici che si accolleranno l’investimento iniziale e saranno poi rimborsate grazie al risparmio energetico ottenuto. Risparmio che, tra l’latro, si annuncia significativo: fino al 40-50% dei costi attuali per l’illuminazione pubblica.

green economy

Emilia Romagna: 24 milioni di incentivi per le imprese green

Finanziamenti a tassi agevolati per le Piccole e medie imprese attive in Emilia Romagna che scelgono di investire nella green economy. A loro disposizione c’è infatti un fondo da 24 milioni di euro che servirà a finanziare (attraverso prestiti a tassi favorevoli) progetti nel campo dell’efficienza energetica e nelle fonti rinnovabili.

Si tratta, in particolare, del “Fondo energia di finanza agevolata per il finanziamento della green economy”, istituito nell’ambito dell’Asse 3 del Por Fesr 2007-2013. Grazie a questo stanziamento, le aziende emiliane potranno ottenere dei prestiti al tasso del 3,25% con provvista mista e della durata massima di 4 anni. Per ciascun progetto, il contributo dovrà essere compreso tra i 75.000 e i 300.000 euro.

Per avere accesso al fondo, le aziende dovranno promuovere interventi nel campo dell’efficienza energetica e dell’energia rinnovabile (sia produzione che autoconsumo), a cominciare dalle tecnologie che permettono di abbattere i consumi energetici da fonti tradizionali.

Il fondo sarà attivo a partire dal mese di marzo e fino a esaurimento delle risorse economiche. Tutte le informazioni saranno pubblicate sul sito http://fesr.regione.emilia-romagna.it.

premio piani d'azione a+com

Patto dei Sindaci: premio per i migliori Piani d’azione

Al via la seconda edizione del premio di eccellenza A+CoM, il riconoscimento assegnato da Alleanza per il Clima Italia e Kyoto Club ai migliori Piani d’azione energia sostenibile (Paes) elaborati dai comuni italiani aderenti al Patto dei Sindaci. Il termine ultimo per la presentazione delle candidature è fissato per l’8 marzo 2013.

I Piani d’azione per l’energia sostenibile rappresentano il principale strumento a disposizione dei comuni aderenti al Patto dei Sindaci per gestore il processo di riduzione delle emissioni previsto dal progetto europeo.

Alla seconda edizione del premio A+CoM possono candidarsi tutti gli enti locali italiani che hanno approvato in consiglio comunale il proprio Paes e l’hanno presentato alla Commissione Europea (fa fede la pubblicazione del Piano sul sito web www.eumayors.eu). I comuni in gara saranno divisi in diverse categorie: fino a 4.999 abitanti, da 5.000 a 19.999 abitanti, da 20.000 a 89.999 abitanti e quelli oltre i 90.000 abitanti. Gli organizzatori del contest precisano infine che saranno candidabili i Piani d’azione deliberati entro il 31/12/2012. Buona fortuna a tutti!

Copyright © 2012 | tutti i diritti sono riservati | Termini e Condizioni | Privacy Policy