Tag

case dell'acqua

Case dell’acqua, Acea ne promette 100 per il Giubileo

100 Case dell’Aqua verranno istallate a Roma entro il 2016. L’occasione è quella del Giubileo, quando la Capitale sarà invasa da pellegrini e visitatori.

Una delle prime è stata istallata qualche giorno fa in Via dei Fori Imperiali, proprio di fronte al Colosseo, altre 10 erano già state realizzate in zone periferiche della città di Roma.

Il nasone, realizzato da Acea, è di colore verde a pianta esagonale nella versione disegnata appositamente per l’Anno Santo, e servirà sì per dissetare romani, ma anche turisti e pellegrini, che potranno usufruire di acqua fresca gratuitamente.

Le case dell’acqua sono i distributori gratuiti di acqua naturale e frizzante. Quella che viene fornita è la stessa acqua che arriva a casa dei romani ed è refrigerata e addizionata.

“Abbiamo stimato che il risparmio di acqua, grazie a queste casette, sarà pari al numero delle bottigliette d’acqua che potrebbero riempire il Colosseo – ha detto la presidente di Acea Catia Tomasetti – ma è una stima prudente perché probabilmente arriviamo a due Colossei.

Gra

Gra, Roma avrà il grande raccordo anulare per le bici

A Roma si sta lavorando alla realizzazione di un Gra (Grande Raccordo Anulare) a due anelli per le biciclette attorno alla Capitale. L’anello più largo si chiamerà Grab largo e congiungerà l’Appia Antica al Colosseo, Montesacro a Centocelle, il più piccolo sarà il micro-Grab, che sarà dato dal congiungimento degli spezzoni di piste ciclabili del centro cittadino.

Il progetto potrebbe essere realizzato prima dell’8 dicembre 2015 e secondo il Sindaco Marino, “non sarà solo un esperimento di carattere nazionale ma avrà rilevanza a livello internazionale”.

Per il gra ciclabile, il Ministrero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha garantito un tra i 2 e i 4 milioni di euro.

Accanto al mega progetto che porterebbe Roma ad avere un primato in tema di due ruote, la città sta organizzando, aleno stando a quanto dichiarato dal primo cittadino, il nuovo servizio di bike-sharing che dovrebbe partire a Roma durante l’Anno Santo.

Scooterino

Scooterino, al via lo sharing delle due ruote

E’ partita a Roma la sperimentazione di scooterino, l’app che consente di dare e ricevere passaggi sulle due ruote. Condividere un passaggio in scooter rientra pienamente nella sharing economy che ormai sta abbracciando molti aspetti della vita quotidiana e soprattutto contribuisce ad abbattere l’inquinamento.

Chi vuole richiedere un passaggio con scooterino non dovrà fare altro che stabilire l’itinerario, gli verrà suggerito uno scooterista, di cui l’utente potrà leggere delle informazioni prima di accettare il passaggio, e poi una volta effettuato il tragitto richiesto, l’utente potrà rimborsare lo scooterista direttamente tramite l’app, su cui potrà lasciare anche un feedback personale.

Scooterino consente anche a chi fornisce il passaggio di poter decidere se accettare o meno la richiesta, e lasciare alla fine del servizio un proprio feedback, in questo modo il sistema garantisce una maggiore sicurezza agli utenti.

Roma presenta il suo piano Smart City

Smart city, Roma presenta iniziative e progetti anche nelle periferie

Roma fa un passo avanti verso la smart city e decide di farlo portandosi dietro tutte le periferie. Non solo il centro quindi nei piani della Capitale, ma tutti i municipi saranno coinvolti. Le periferie, in questo senso, diventano le nuove centralità.

Tante le iniziative previste per le periferie smart. Ogni municipio, eccetto il Municipio I ossia il centro storico, verrà dotato di una “piazza qualità”. Si tratta di piazze completamente pedonalizzate e pavimentate a san pietrino, dove saranno presenti fontane high-tech dell’Acea, dotate di schermi touchscreen per l’infomobilità e le news dal Comune in tempo reale, porte usb per ricaricare dispostivi elettronici di connessione a internet, rete wi-fi gratuita per navigare in rete.

2000 lampade a Led saranno la dotazione di ogni singolo Municipio per quel che concerne l’illuminazione.

Le periferie saranno, inoltre, al centro del nuovo piano per le strade di grande viabilità.
Smart City è anche libero accesso alla cultura ed agli spazi verdi, e il piano non lascia fuori queste due aree d’intervento e lo fa con il bando “Roma Creativa” e al piano potature 2015.

un bando a Roma per il verde urbano

Verde urbano, a Roma un bando per la riqualificazione

Il verde urbano è oggetto di riqualificazione da parte del Municipio I di Roma, che ha deciso di affidare a soggetti giuridici pubblici e privati la gestione e la manutenzione delle aree verdi della sua circoscrizione.

Il bando ha l’obiettivo di riqualificare il verde urbano, ma anche quello di ridurre la spesa pubblica della città e incentivare processi di responsabilizzazione e partecipazione dal basso.

Singoli, associazioni, comitati di quartiere, cooperative sociali, condomini, imprese pubbliche e private, organi di diritto privato, pubblico o di rilevanza pubblica sono i partner ideali del Comune di Roma.

La riqualificazione del verde urbano verrà effettuata tramite la sponsorizzazione e/o l’adozione di parchi, giardini, rotonde, aiuole, giardinetti. L’affido durerà per un periodo di minimo un anno fino ad un massimo di tre anni.

Le proposte per le candidature sono scaricabili on line.

finanziamenti per far decollare il porta a porta di roma

Raccolta differenziata, dalla Regione Lazio fondi per il porta a porta della Capitale

La Regione Lazio ha deciso di sbloccare 19 milioni di euro e di stanziarli per il porta a porta della città di Roma. I fondi sono stati messi a disposizione al fine di raggiungere l’obiettivo del 65% di raccolta differenziata nella Capitale.

Questo stanziamento è solo una prima trance dei 145 milioni che serviranno a supportare tutti i comuni del Lazio nella raccolta differenziata porta a porta, e di cui 53 milioni circa destinati al Comune di Roma Capitale.

In generale, la volontà della Regione è quella di rispondere alle normative europee, nonché alle leggi nazionali, fino ad arrivare alla chiusura della discarica di Malagrotta, che costituisce ancora un grosso neo nella gestione dei rifiuti.

orti urbani

Roma, nuovi orti urbani a Tor Carbone

Questa volta gli orti urbani verranno realizzati a Tor Carbone, nel Municipio XI di Roma. L’iniziativa è partita da cittadini della zona, che hanno trovato il modo di dare una nuova destinazione ai terreni incolti dell’area.

È stata creata la società orti sociali Tor carbone onlus che affiderà a 40 famiglie i nuovi orti urbani. Già dalla prossima primavera gli affidatari potranno cominciare a lavorare i propri fazzoletti di terra. Per ottenere i proprio orticello in custodia basterà contribuire con una quota alla copertura dei costi per la realizzazione dei servizi necessari. Entro marzo, infatti, dovranno essere realizzati la recinzione, l’impianto idrico e una piccola struttura in muratura.

Un ultimo step manca ancora per far partire l’operazione: l’approvazione della Soprintendenza, mentre il Comune di Roma, e l’ente Parco Appia Antica, nella cui area ricadono i terreni, hanno già rilasciato rilasciare i permessi necessari.

car sharing

Car Sharing, a Roma dieci nuove auto

Grazie ad un contributo del Ministero dell’Ambiente, oltre 100mila euro, il Comune di Roma avrà 10 nuove vetture elettriche per il car sharing che vanno ad aggiungersi alle 114 già presenti.

Le auto sono delle Citroen C-Zero che verranno dislocate in dieci parcheggi all’interno del Centro Storico: via Crispi, piazza Santi Apostoli, via Principessa Clotilde, via dei Prefetti, piazza Sant’Andrea della Valle, piazza Mastai, via dei Verbiti, via Fosse di Castello, via Alessandro Farnese, Corso d’Italia.

Si arricchisce, quindi, il car sharing romano, che negli ultimi tre mesi del 2012 ha fatto registrare una crescita di oltre il 40% di tutti gli iscritti dell’anno.

In clima di feste natalizie, inoltre, fino al 4 gennaio i nuovi iscritti potranno usufruire di uno sconto di 30 euro per ogni nuovo abbonamento annuale al Car Sharing Roma.

qualità vita bolzano

A Bolzano la palma di città italiana più vivibile

La città di Bolzano ha ottenuto il primo posto nella classifica “Qualità della vita 2012”, stilata dal quotidiano Il Sole 24 Ore. Sul podio anche Siena e Trento, mentre la vincitrice dell’edizione precedente, Bologna, precipita in decima posizione.

Nella top ten del 2012 si piazzano anche Rimini, Trieste, Parma, Belluno, Ravenna e Aosta, tutte città che anche negli anni precedenti avevano ottenuto valutazioni positive. Male invece Taranto, che ottiene la maglia nera, insieme a Napoli, Caltanissetta, Brindisi e Trapani. Roma e Milano recuperano entrambe qualche posizione rispetto all’anno scorso, piazzandosi rispettivamente in 21esima e 17ima posizione.

La ricerca, come di consueto, è stata condotta sui 107 capoluoghi di provincia, tenendo conto di 36 indicatori complessivi suddivisi in 6 categorie. Oltre alla sostenibilità ambientale, la classifica del Sole 24 Ore tiene conto anche di altri fattori, come la disoccupazione, la sicurezza dei cittadini e l’offerta culturale e per il tempo libero.

alberi inquinamento

Caserta, l’inquinamento si monitora con gli alberi

Un gruppo di ricercatori del Centro di Ricerche Isotopiche per i Beni Culturali e Ambientali (Circe) di Caserta ha messo a punto una nuova tecnica che sfrutta campioni estratti dagli alberi per studiare il grado di inquinamento atmosferico di un particolare territorio.

Il nuovo sistema, basato sull’analisi degli anelli di accrescimento delle piante, è stato testato non solo a Caserta, ma anche nella discarica romana di Malagrotta. In pratica, il metodo elaborato dai ricercatori casertani permette di seguire le tracce delle sostanze inquinanti all’interno delle strutture vegetali, verificando se le piante hanno assorbito nutrienti contaminati nel corso del loro accrescimento.

In effetti, le analisi hanno rilevato la presenza di residui inquinanti sia nell’area molto trafficata di Caserta che è stata oggetto di indagine, sia a Malagrotta, dove gli alberi hanno risentito della presenza della discarica.

Copyright © 2012 | tutti i diritti sono riservati | Termini e Condizioni | Privacy Policy