Categoria

URBANISTICA

Edifici Rotanti - NZEB - Edilizia Sostenibile

Edifici rotanti, il futuro dell’edilizia a impatto zero

Da oggi il settore dell’edilizia produce edifici  Nzeb ovvero totalmente sostenibili ed eco-friendly 

Case a energia nulla o quasi: in un acronimo Nzeb e cioé Nearly zero energy building. Questa è la rivoluzione dell’edilizia moderna. Sono quegli edifici che producono quasi tutta l’energia di cui hanno bisogno garantendo allo stesso tempo un alto comfort abitativo.

Oggi nella direttiva 2010/31/UE è stato introdotto all’ art. 9, che riporta il moderno concetto di “energia quasi zero” per gli edifici di nuova costruzione sia pubblici o di uso pubblico che privati (edifici NZEB).

Con questa dicitura si intendono gli edifici ad elevate prestazioni energetiche che riducono al minimo i consumi legati al riscaldamento, ventilazione, illuminazione, produzione di acqua calda sanitaria, utilizzando energia da fonti rinnovabili.

Con le nuove direttive tutte le nuove costruzioni devono essere edifici NZEB, immobili capaci di garantire un bilancio fra energia consumata ed energia prodotta quasi pari allo zero. Questa definizione, adottata in tutta Europa, riguarda tutte le tipologie di edifici, residenziali, commerciali, industriali, ecc. Queste costruzioni rivoluzionano il settore edilizia in quanto l’energia praticamente non serve più, sono, infatti, immobili isolanti, che garantiscono elevate prestazioni e un alto rendimento grazie ad alcuni importanti accorgimenti strutturali che aiutano a ridurre i consumi e ottenere ugualmente il massimo comfort.

A breve a Milano si terrà la Fiera di Milano nell’ambito della Mostra convegno Expocomfort (Mce), dove sarà trattato proprio questo argomento e i benefici economico-ambientali derivati.

L’Università East Anglia ha rilasciato un rapporto in cui si legge – “se lo standard degli edifici a consumo quasi zero fosse imposto a tutte le nuove abitazioni e ai restauri l’Europa si potrebbe puntare ad una riduzione dei consumi energetici del 40% al 2050”. Queste case a energia quasi nulla hanno alcune caratteristiche principali: sono isolanti, hanno infissi ad alte prestazioni, impianti ad alto rendimento insieme ad altri accorgimenti strutturali in grado di ridurre l’energia necessaria per raggiungere uno stato ottimale di comfort.

Questa tipologia di edifici ormai si sta diffondendo ovunque, dagli edifici immersi nella neve del Canada (chiamate case passive) o al sole dell’Italia, dalla Zero carbon building a Hong Kong alla casa rotante in Germania fino all’edificio residenziale K19B a Milano.

case dell'acqua

Case dell’acqua, Acea ne promette 100 per il Giubileo

100 Case dell’Aqua verranno istallate a Roma entro il 2016. L’occasione è quella del Giubileo, quando la Capitale sarà invasa da pellegrini e visitatori.

Una delle prime è stata istallata qualche giorno fa in Via dei Fori Imperiali, proprio di fronte al Colosseo, altre 10 erano già state realizzate in zone periferiche della città di Roma.

Il nasone, realizzato da Acea, è di colore verde a pianta esagonale nella versione disegnata appositamente per l’Anno Santo, e servirà sì per dissetare romani, ma anche turisti e pellegrini, che potranno usufruire di acqua fresca gratuitamente.

Le case dell’acqua sono i distributori gratuiti di acqua naturale e frizzante. Quella che viene fornita è la stessa acqua che arriva a casa dei romani ed è refrigerata e addizionata.

“Abbiamo stimato che il risparmio di acqua, grazie a queste casette, sarà pari al numero delle bottigliette d’acqua che potrebbero riempire il Colosseo – ha detto la presidente di Acea Catia Tomasetti – ma è una stima prudente perché probabilmente arriviamo a due Colossei.

POST_07

We Du!, il decoro urbano in un’app

Il decoro urbano può essere difeso attraverso la partecipazione diretta dei cittadini, grazie all’app ed al sito We Du!
Si tratta di uno strumento completamente gratuito per i cittadini, che possono inviare le loro segnalazioni di disagi relativi al decoro urbano via smartphone o via pc.

We Du! è gratuito anche per le istituzioni, che attraverso il servizio possono comunicare in maniera diretta il proprio impegno sul territorio, nonché la tutela per i beni comuni.
Il meccanismo di utilizzo è molto semplice: l’utente registrato invia la propria segnalazione che, dopo un controllo preventivo, viene pubblicata sul sito Decoro Urbano, dove l’amministrazione preposta ne prende visione e comunica lo status della situazione, ossia se è stata presa in carico oppure risolta.

Al momento è possibile inviare le proprie segnalazioni relativamente a sei categorie: rifiuti, dissesto stradale, zone verdi, vandalismo/incuria, segnaletica, affissioni abusive.
Sono però previsti degli aggiornamenti futuri con l’inserimento di nuove categorie: randagismo, barriere architettoniche, inquinamento acustico.

Copyright © 2012 | tutti i diritti sono riservati | Termini e Condizioni | Privacy Policy